ATTENZIONE: stai consultando la versione GRATUITA della banca dati. Per accedere alla versione completa abbonati subito

Estremi:
Cassazione civile, 2019,
  • Fatto

    FATTI DI CAUSA

    La Corte d'appello di Bologna, con sentenza n. 2172/2014, - pronunciata in un giudizio promosso da A.M. nei confronti della Nova Piemme srl e della socia di maggioranza, Industrie Riunite Odolesi I.R.O. spa, al fine di sentire accertare la legittimità del recesso dalla prima società, dallo stesso esercitato, con notifica dell'atto di citazione, ex art. 2473 c.c., comma 2 e di condanna della società alla liquidazione della quota - ha, in riforma della decisione non definitiva di primo grado e della decisione successiva definitiva (essendo stati riuniti i separati gravami proposti), respinto le domande attrici.

    In particolare, la Corte distrettuale, respinto l'appello incidentale dell' A. avverso la sentenza non definitiva di primo grado, nella parte in cui era stata respinta la domanda risarcitoria avanzata, ex art. 2497 c.c., nei confronti della socia di maggioranza I.R.O., ha, invece, accolto il gravame principale della Nova Piemme avverso la sentenza non definitiva, rilevando che, con Delib. 29 aprile 2004, approvata da tutti i soci, compreso l' A., si era fissata la durata della società sino al 31/12/2050 e che erroneamente il giudice di primo grado, al fine di ritenere che il socio fosse libero di recedere ad nutum, aveva equiparato la disciplina (art. 2473 c.c.) della società di capitali a tempo indeterminato a quella (art. 2285 c.c.) di una società di persone contratta per una durata che ecceda la presumibile vita dei soci (nella specie, facendo riferimento all'età dell' A. nei 2050, data di scadenza della società, anni 87), laddove il nuovo disposto dell'art. 2473 c.c., comma 2, consente il recesso ad nutum del socio di una srl soltanto nell'ipotesi di società contratta a tempo indeterminato. La Corte d'appello ha poi definito gli obblighi restitutori conseguenti alla esecuzione delle somme versate dalla società in esecuzione della sentenza definitiva, a titolo di rimborso della quota del...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
  • Diritto

    RAGIONI DELLA DECISIONE

    1. Il ricorrente lamenta, con unico motivo, la violazione o falsa applicazione, ex art. 360 c.p.c., n. 3, art. 2473 c.c., comma 2 e art. 2697 c.c., dolendosi della mancata equiparazione della società a responsabilità limitata, con una durata che ecceda la presumibile vita dei soci (quale quella in oggetto, con scadenza nel 2050, in rapporto all'età del socio uscente), a quella contratta a tempo indeterminata, al fine del riconoscimento del libero esercizio del recesso del socio.

    2. La censura è infondata.

    Ai sensi dell'art. 2473 c.c., comma 2, il socio di società a responsabilità limitata costituita a tempo indeterminato può recedere dalla stessa in ogni momento, con un preavviso di centottanta giorni, salvo che l'atto costitutivo non preveda un preavviso maggiore, comunque non superiore all'anno. L'art. 2285 c.c., invece, nell'ambito delle società di persone, prevede il diritto di recesso ad nutum, non solo quando la società sia contratta a tempo indeterminato, ma anche quando sia contratta per tutta la vita di uno dei soci. Nelle società di persone, ove il termine di durata previsto dall'atto costitutivo sia superiore alla normale durata della vita umana, si è considerata la società come contratta a tempo indeterminato, con conseguente possibilità per i soci del recesso ad nutum.

    Nel caso di specie, lo statuto della società Nova Pieme Sider fissa la durata della società sino al 31 dicembre 2050.

    Nella pronuncia di questa Corte n. 9662/2013 (ove, peraltro, si trattava, precisamente, di una s.r.l. la cui durata era stata fissata sino all'anno 2100 e l'oggetto del giudizio riguardava il fatto se una Delibera assembleare, con la quale veniva disposta la riduzione della durata di una s.r.l., dall'originario termine del 2100 al 2050, legittimasse il recesso per il socio dissenziente), si è affermato che la fissazione della previsione di durata dell'ente societario assolve...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
Correlazioni:

Legislazione Correlata (2)

Portale (1)

please wait

Caricamento in corso...

please wait

Caricamento in corso...