ATTENZIONE: stai consultando la versione GRATUITA della banca dati. Per accedere alla versione completa abbonati subito

Estremi:
Comm. trib. reg. L'Aquila, (Abruzzo), 2018,

Accoglie in parte
  • Fatto

    Con gravame ritualmente interposto e rassegnando le conclusioni di cui in epigrafe, l'ufficio impugnava la sentenza n. 153/17, emessa in data 12/14.06.17 dalla Commissione Tributaria Provinciale di Teramo Sez. I, con la quale, in una alla compensazione delle spese di lite, accoglieva il ricorso della contribuente avverso l'avviso di accertamento IRES/ALTRO/IVA/ALTRO/IRAP, anno 2010.

    A fronte di una sentenza che aveva annullato l'atto impositivo in accoglimento dell'eccezione preliminare circa la nullità dello stesso in difetto di preventiva notifica del pvc ed altresì sull'articolato rilievo 1)- che, se il difetto di contraddittorio è facoltativo per le imposte non armonizzate, lo è però per quelle armonizzate (oggetto di accertamento: IVA) e 2)- che la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi Mod. Unico ENC, nel caso in esame, non avrebbe comportato la perdita dei relativi benefici, risultando invece ritualmente presentate le dichiarazioni EA. e SI., l'appellante, nei debiti termini gravatori, ripercorsi i fatti sostanziali e processuali posti a base del mezzo, deduceva l'erroneità della statuizione a motivo del fatto che il primo giudice, per un verso, non aveva fatto buon governo degli arresti giurisprudenziali, omettendo di considerare che, a mente di Cass. n. 24823/15 (seguita da n. 10903/16; n. 3012/17; n. 10030/17; n. 20267/17 e 20799/17), anche in tema di imposte armonizzate, il difetto di preventiva notifica di pvc non si traduceva tout court in nullità dell'atto impositivo, laddove non si fosse dimostrato (come nel caso in esame non si era in effetti dimostrato) che a seguito di tale notifica la difesa del contribuente avrebbe potuto addurre elementi difensivi atti a smentire la pretesa erariale, per altro verso, era incorsa in contraddizione, laddove, pur ritenendo che la presentazione del Mod. EAS, in difetto di dichiarazione dei redditi Mod. Unico ENC, consente comunque al...

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
  • Diritto

    L'appello è meritevole di accoglimento per i motivi e nei limiti di cui appresso.

    Preliminarmente va rigettata l'eccezione di inammissibilità dello stesso.

    Invero la notifica a mezzo PEC (del gravame) è intervenuta successivamente all'istituzione, anche in Abruzzo, del PTT, sicché la censura non ha ragion d'essere non dovendo valere per il giudizio d'appello le regole in vigore all'epoca del giudizio di primo grado.

    Venendo quindi al merito, va osservato che le ragioni che si sarebbero volute opporre all'accertamento in questione, in sede endoprocedimentale, sono state altrettanto utilmente opposte in questa sede, sicché, avendo riguardo alla sola imposta armonizzata (IVA) oggetto di imposizione, non si può sostenere, giustificando così la nullità dell'atto, che questo abbia costituito un inesorabile vulnus alla difesa del contribuente.

    Ma se l'atto, per quanto appena osservato, non può essere ritenuto nullo, come statuito dal giudice di prime cura, va però riconosciuto che, stante la non contestata sussistenza sia della dichiarazione Mod. EAS, sia della dichiarazione SI., il (maggior) reddito accertato (in difetto di dichiarazione relativa) va tassato secondo i benefici di cui alla L. n. 398 del 1991, atteso che il difetto di dichiarazione dei redditi non è circostanza atta ad elidere i detti benefici, ma comporta solo e solamente le sanzioni a ciò conseguenti.

    L'esito del giudizio impone che anche le spese di questo grado di giudizio vengano tra le parti interamente compensate.

    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
please wait

Caricamento in corso...

please wait

Caricamento in corso...