ATTENZIONE: stai consultando la versione GRATUITA della banca dati. Per accedere alla versione completa abbonati subito

Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • EPIGRAFE

      Decreto legislativo 1997 - Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio (1) (2) (3).

      (1) Con D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 sono state devolute alle regioni e agli enti locali tutte le funzioni amministrative inerenti alla materia dell'inquinamento, ad eccezione di quelle espressamente mantenute allo Stato.

      (2) Gli organi dell'Osservatorio nazionale sui rifiuti, istituito con il presente decreto, a norma dell'articolo unico del D.M. 2 maggio 2006, sono confluiti nella «Sezione per la vigilanza sui rifiuti» dell'Autorità per la vigilanza sulle risorse idriche e sui rifiuti; successivamente l'articolo 1, comma 5, del D.Lgs. 8 novembre 2006, n. 284 ha ricostituito l'Osservatorio nazionale sui rifiuti, ripristinandolo nell'esercizio delle sue funzioni.

      (3) Il presente decreto è stato abrogato dall'articolo 264, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152. Vedi inoltre quanto disposto dal medesimo articolo 264, comma 1, lettere i) e o).



    • ARTICOLO N.57

      Disposizioni transitorie.

    • [ 1. Le norme regolamentari e tecniche che disciplinano la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti restano in vigore sino all'adozione delle specifiche norme adottate in attuazione del presente decreto. A tal fine ogni riferimento ai rifiuti tossici e nocivi si deve intendere riferito ai rifiuti pericolosi (1).

      2. Sono fatte salve le attribuzioni di funzioni delegate o trasferite già conferite dalle Regioni alle Province e agli altri enti locali in attuazione della legge 8 giugno 1990, n. 142 (2).

      3. Le autorizzazioni rilasciate ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1982, n. 915, restano valide fino alla loro scadenza e comunque non oltre il termine di quattro anni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

      4. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto le Regioni provvederanno ad aggiornare le autorizzazioni in essere per la gestione dei rifiuti sulla base della nuova classificazione degli stessi.

      5. Le attività che in base alle leggi statali e regionali vigenti risultano escluse dal regime dei rifiuti, ivi compreso l'utilizzo dei materiali e delle sostanze individuati nell'allegato 1 al decreto del Ministro dell'ambiente del 5 settembre 1994, pubblicato nel Supplemento ordinario n. 126 alla Gazzetta Ufficiale 10 settembre 1994, n. 212, devono conformarsi alle disposizioni del presente decreto entro e non oltre il 30 giugno 1999 (3).

      6. Fermo restando il termine di cui all'articolo 33, comma 6, per la prosecuzione delle operazioni di recupero dei rifiuti compresi nell'allegato 3 al decreto del Ministro dell'ambiente 5 settembre 1994, pubblicato nel Supplemento ordinario n. 126 alla Gazzetta Ufficiale 10 settembre 1994, n. 212,...

    Giurisprudenza Correlata (visualizza tutto)

    please wait

    Caricamento in corso...

    please wait

    Caricamento in corso...